Sostituzione Caldaie Roma

Effettuiamo servizio di sostituzione caldaia a Roma, montaggio scalda acqua a gas e revisione e bollino blu. Quando sostituire la caldaia? Quando è rotta ovviamente. Per la maggiorparte delle persone questa è la risposta piú ovvia, ma ci sono anche altre ragioni. Il gas per riscaldamento oggi giorno rappresenta una notevole voce di spesa nel bilancio di una famiglia.

Sostituire una vecchia caldaia, magari con una nuova a condensazione, fa risparmiare parecchio gas e quindi meno soldi spesi. Ad ogni modo non sempre c’è bisogno della sostituzione di una caldaia. Piú spesso di quanto si pensi si può riparare.

Purtroppo, lo dico da tecnico di caldaie, i nuovi modelli non sono realizzati con i criteri costruttivi di una volta. Hanno parti in elettronica che si rompono, una volta non c’erano. Ecco perchè una caldaia di 10 anni che non funziona piú ha buone possibilità di dover essere cambiata. Magari è la scheda elettrica, un ricambio che può costare anche 200 euro. 

sostituzione-caldaia-roma
sostituzione-caldaia-roma a condensazione a gas metano

Prezzo sostituzione caldaia

C’è anche da dire che le nuove caldaie costano meno di quelle di una volta.  Un modello a condensazione, da 24 Kw, ideale per un appartamento, costa tra i 500 ed i 600 euro. Aggiungiamo circa 150-200 per smontaggio della vecchia e montaggio ecco che abbiano un’idea di quanto può costare la sostituzione di una caldaia.

Uno scaldabagno a gas, da esterno, costa circa 200 euro.

Quale caldaia comprare

La prima grande distinzione da fare è quella tra scalda acqua e caldaia.

  • Scalda acqua a gas: sono utilizzati solo per produrre acqua calda per uso sanitario, quindi docce e rubinetti della cucina e bagno. Ideali per chi ha un riscaldamento centralizzato e non vuole montare uno scaldabagno elettrico.
  • Caldaie a gas metano : sono quelle piú utilizzate negli appartamenti delle città, altre alternative sono rappresentate dalle caldaie biocombustibili, ad esempio quelle a pellet.

Nell’ ambito delle caldaie a gas per la casa o appartamento ci sono quelle a camera aperta o a camera stagna:

  • caldaie a camera aperta: costano un pochino di meno e sono installabili solo all’ aperto, questo perchè l’aria necessaria per la combustione avviene in modo naturale prelevandola dall’ esterno.
  • camere a camera stagna: la camera di combustione preleva l’aria tramite un tiraggio forzato. Possono essere montate anche internamente , in casa ad esempio. Non ci sono problemi di fuoriuscita di monossido di carbone.

Caldaie a condensazione

un capitolo a parte lo dedichiamo alla convenienza caldaie a condensazione a cui abbiamo dedicato un articolo a parte, seguite il link per avere maggiori approfondimenti.

Le direttive 2009/125/CE sui requisiti di progettazione ecocompatibile degli apparecchi connessi
all’energia e 2010/30/CE sull’etichettatura prevedevano che dal 26 settembre 2015 non fosse più possibile immettere sul mercato caldaie non a condensazione.

Attenzione si tratta di un obbligo che riguarda solo i produttori che non possono piu’ immettere sul mercato quelle non a condensazione, eccetto le scorte.

Quale è il vantaggio per i consumatori? Una caldaia a condensazione consuma meno gas, perchè è fatta in modo che sfrutti il calore prodotto da i fumi della combustione. Di contro ha bisogno di un’attenzione maggiore all’installazione, allo scarico di acqua.

Le caldaie a condensazione hanno bisogno di tiraggio assistito: i fumi di combustione, dopo la condensa del vapore, sono più freddi rispetto ai fumi di altri tipi di caldaie; hanno infatti ceduto parte del loro calore all’efficienza del ciclo nel suo complesso. Nelle caldaie tradizionali i fumi salgono verso l’alto per tiraggio naturale. Nella caldaia a condensazione invece non salgono da sole attraverso la canna fumaria, ma hanno bisogno di essere “tirate”. Quando si monta una caldaia del genere c’è bisogno di un ventilatore.

Bisogna avere dei condotti di scarico dove convogliare il vapore acqueo che durante la condensazione si trasforma in acqua. Questa acqua non è normale ma leggermente acida e quindi va smaltita attraverso condotti che portino alle fognature adatte.

Infine la canna fumaria che deve resistere alla corrosione dei fumi di combustione che all’interno della canna fumaria continuano a raffreddarsi, producendo ulteriore condensa, anche questa leggermente acida.

Marche consigliate per sostituire una caldaia

ci sono molti brand famosi che producono caldaie, molti dei quali sono italiani, abbiamo un’ ottima tradizione. Di seguito l’elenco delle migliori marche produttrici di caldaie con relativo link al sito. L’ordine è alfabetico, ogni installatore ha la sua preferita, si tratta comunque di ottimi prodotti, caldaie murali e ad incasso, tutte ben conosciute nel mondo della termoidraulica e tutte dotate di ottimi centri assistenza.